Navigazione veloce

Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto è l’organo di autogoverno della scuola, fatte salve le competenze del Collegio dei Docenti e dei Consigli di classe.

Il Consiglio d’Istituto nomina al proprio interno una Giunta esecutiva, che ha il compito di preparare i lavori del Consiglio, curare l’esecuzione delle relative delibere, collaborare con il Dirigente scolastico e il Direttore dei servizi generali amministrativi alla predisposizione del Programma annuale e del Conto consuntivo, deliberati dal Consiglio d’Istituto.

Il Consiglio d’Istituto decide nelle seguenti materie: adozione del Regolamento d’Istituto e di ogni altra specifica disposizione regolamentare; formulazione delle linee di indirizzo per l’elaborazione, a cura del Collegio docenti, del POF; adattamento del calendario scolastico alle specifiche esigenze ambientali; criteri per la programmazione e l’attuazione delle attività parascolastiche, interscolastiche, extrascolastiche, con particolare attenzione ai corsi di recupero e di sostegno, alle libere attività  complementari, alle visite guidate ed ai viaggi di istruzione; promozione di contatti con altre scuole o istituti; partecipazione dell’Istituto ad attività culturali, sociali, sportive e ricreative di particolare interesse educativo; modalità e criteri per l’intensificazione e qualificazione del rapporto tra docenti, famiglie e studenti; esame delle motivazioni addotte dal Collegio docenti in caso di eccedenza del limite di spesa stabilito dalle norme vigenti per l’adozione dei libri di testo e dei sussidi didattici; criteri generali per la formazione delle classi e l’assegnazione ad esse dei docenti; adattamento dell’orario delle lezioni e delle altre attività scolastiche alle condizioni ambientali; espressione di pareri sull’andamento generale, didattico ed amministrativo dell’Istituto; acquisto, rinnovo e conservazione delle attrezzature tecnico-scientifiche, informatiche, dei sussidi didattici e dei materiali di consumo occorrenti per le esercitazioni, per importi superiori ai limiti entro i quali la competenza è del Dirigente scolastico, secondo quanto stabilito da specifica delibera dell’organo ai sensi degli art. 33 e 34 del D. Intermin. n. 44 del 1 febbraio 2001; radiazione dei crediti riconosciuti assolutamente inesigibili; eliminazione dagli inventari di beni divenuti inservibili; designazione dell’azienda o dell’istituto di credito che dovrà disimpegnare il servizio di cassa sulla base di apposita convenzione; accettazione e/o rinuncia di lasciti e donazioni; determinazione della misura del fondo di anticipazione al Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi per le minute spese; ratifica della designazione dei componenti della commissione elettorale d’Istituto.

Su tutte le questioni di natura didattica il Consiglio d’Istituto delibera tenendo conto delle proposte del Collegio Docenti.